Caravaggio Pio Monte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Drammaticità e sofferenza in un vicolo di Napoli nel pieno ‘600… così ci dipinse e ci racconta ancora
oggi Michelangelo Merisi detto Caravaggio.

Il grande pittore riuscì a catturare tutta l’angoscia di una città che viveva mille drammi a pochi passi dall’istituzione che lo chiamò a lavorare per sé: il Pio Monte della Misericordia.

La fondazione nacque proprio per aiutare i più indigenti e gli “ultimi”, come una ‘mano santa’ che solleva e intercede. Così volle il Caravaggio rappresentare le Sette opere della Misericordia nel più buio delle viuzze del Centro Storico partenopeo e nel nugolo di gente tra sudore e panni stesi.

Noi vi proporremo di vivere quest’esperienza raccontando, ai piedi del dipinto, la vita del grande artista e i suoi anni a Napoli, per continuare poi, al piano superiore, nella Quadreria corredata di testi, opere e dipinti di grandi autori; raccolte e donazioni dei vari governatori o di nobili dal cuore magnanimo come quella di Francesco De Mura.