Cimitero Fontanelle

Tra storia, leggende e racconti,                 in una visione antropologica,       vi faremo scoprire l’antico ossario sito nel cuore del Rione Sanità, nella zona scelta per la necropoli pagana e più tardi per i cimiteri cristiani, ovvero il                                                         Cimitero storico delle Fontanelle.

Il sito si fa risalire al XVI secolo quando la città fu flagellata da rivolte popolari, carestie, terremoti e cinque eruzioni del Vesuvio; fu proprio qui che vennero raccolti i cadaveri delle vittime che non potevano permettersi degna sepoltura: vale a dire all’interno delle cave di tufo che fino al secolo precedente fornirono i materiali da costruzione per l’attività edilizia di tutta la città.

Il Cimitero rimase poi abbandonato fino al 1872 quando il parroco della chiesa di Materdei, con l’aiuto di popolane, mise in ordine le ossa nello stato in cui ancora oggi sono poste, tutte anonime, ad eccezione di due scheletri: quello di Filippo Carafa Conte di Maddaloni e di Donna Margherita Petrucci, entrambi riposano in bare protette da vetri.

Oggi, il cimitero è insieme un luogo di culto e di macabro fascino tra intrighi e miracoli…