Cristo Velato Cappella Sansevero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La visita è di impronta antropologica e, con storie e leggende, si potrà raccontare il “vero” mistero che avvolge la figura del Principe di Sansevero e …non solo!

Con un appuntamento in Piazza San Domenico Maggiore verrà contestualizzato sia il periodo storico dell’arrivo dei De Sangro di Sansevero a Napoli sia l’apporto della nobile famiglia nel tessuto sociale della città. Si racconterà come e perchè nasce la Cappella patrizia, dei suoi committenti, per arrivare al Principe Raimondo de Sangro di Sansevero.

La sua vita e la trasformazione della Cappella della Pietà sarà introdotta da una “lettura” filosofica, massonica e religiosa per poi scoprirne i simbolismi e segni all’interno della struttura.

Si appronterà alla spiegazione del Cristo deposto, ovvero il CRISTO VELATO e delle altre due meravigliose opere Pudicizia e Disinganno, per poi passare alla Tomba dell’Alchemico Raimondo, e infine alle enigmatiche Macchine anatomiche.

Uscendo dal sito si concluderà con le leggende e le curiosità più famose del Principe.

Nel cuore del centro antico di Napoli, il Museo Cappella Sansevero è un gioiello del patrimonio artistico internazionale. In stile barocco, bellezza e mistero s’intrecciano creando un’atmosfera unica, quasi fuori dal tempo. Tra i capolavori: il celebre Cristo velato, la cui immagine ha fatto il giro del mondo per la straordinaria “tessitura” del velo marmoreo, senza dimenticare meraviglie del virtuosismo come il Disinganno e La Pudicizia, nonché le Macchine anatomiche.

Un mausoleo nobiliare, un tempio iniziatico in cui è mirabilmente trasfusa la poliedrica personalità del suo geniale ideatore: Raimondo di Sangro, settimo principe di Sansevero e Gran Maestro del gruppo massonico i Rosacroce.